Polipo all'aceto

Polipo all’aceto

Condividi questa ricetta
Fai click su “Mi piace” per scaricare la ricetta in PDF ed averla sempre disponibile!
Grazie per aver messo “mi piace”, scarica ora il file

Il polipo all’aceto è un mezes molto saporito e gradito da tutti. Piatto classico greco, si trova sopra la tavola insieme all’ouzo, la grappa greca all’anice, accompagnando tutte le pietanze a base di pesce. E’ un piatto che si mangia freddo e che diventa più gustoso giorno dopo giorno.

Questa ricetta di polipo all’aceto è facile da preparare, impegna poco tempo ed è una garanzia di successo.

Ricetta del polipo all’aceto

Dosi Per: 4 persone

Tempo totale: PT1H30M90 min

Difficoltà: Media

200

Ingredienti

  • 1 polipo fresco o surgelato
  • 1 tazza di aceto bianco
  • 2 bastoncini di sedano
  • 2 carote piccole
  • 1 cipolla media
  • sale
  • 10 bacche di pepe nero

Ingredienti per la salsa

  • 1/2 tazza di olio extra vergine
  • 1/3 tazza di aceto bianco
  • sale
  • 10 bacche di pepe nero

Preparazione

  1. Laviamo bene il polipo lo mettiamolo in una pentola con dell’acqua fino a coprirlo, aggiungiamo l’aceto e bolliamo per mezz’ora in una pentola a pressione.
  2. Scoliamo il polipo e leviamo la membrana nera stando attenti a non rovinare le ventose. Questo passo si fa puramente per motivi di estetica, in quanto alcuni preferiscono avere il polipo bianco sul piatto. Io personalmente lo faccio raramente perché i miei bambini adorano succhiare tutte le ventose e come conseguenza lascio tutto com’è.
  3. In una pentola mettiamo il polipo, il sedano, le carote, la cipolla, i chicchi di pepe nero, il sale e bolliamo per un’altra mezz’ora.
  4. Scoliamo il polipo, mettiamo da parte le verdure per un eventuale piatto di verdure lessate.
    Prepariamo la salsa unendo assieme gli ingredienti sopra indicati e versiamo tutto in un “tupper”. Lasciamo così per almeno 24 ore nel frigorifero mescolando ogni tanto.
  5. Presentiamo il nostro polipo in un piatto insieme alla sua salsa e con qualche fetta di limone.

Consigli

Una volta, per ammorbidire il polipo, si usava la battitura, oggi possiamo metterlo 2-3 giorni nel congelatore, con il freddo si rompono le fibre, rendendolo più morbido.

Dalla mia esperienza ho notato che comunque anche i polipi freschi, oggi come oggi, non sono duri e possono essere cucinati direttamente senza congelarli.

Un’altra cosa che volevo far notare è che il polipo, come le seppie e i calamari non hanno bisogno dell’acqua per bollire, in quanto ne contengono abbastanza. Dipende solo dalla ricetta che stiamo preparando. In questa ricetta, se lo metto a bollire solo con l’aceto viene molto forte e poco gradito. Nel caso in qui vogliamo lessarlo e mangiarlo in insalata è sufficiente bollirlo con poca acqua, giusto per non far attaccare e distruggere le ventose.

Un altra curiosità da ricordare è che il polipo contiene tanto sale. Mi ricordo ancora mia mamma che assaggiava il polipo fresco con la lingua per sapere quanto fosse salato.

Io non ve lo consiglio, bisogna regolarsi da soli, prendendo in considerazione questa particolarità.

Fai click su “Mi piace” per scaricare la ricetta in PDF ed averla sempre disponibile!
Grazie per aver messo “mi piace”, scarica ora il file
(Visited 604 times, 1 visits today)
Condividi questa ricetta
Vota questa ricetta
Polipo all’aceto
4.69 (93.75%) 16 voti

Mi farebbe piacere un tuo commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*